Tv a confronto: Rai, Mediaset, La7

Mettiamo subito le mani avanti.
A livello televisivo guardo quasi esclusivamente La7. Gli altri poche altre trasmissioni, la Rai qualche tg regionale sporadico e Mediaset i Simpson.
Cercherò quindi di analizzare la comunicazione web di queste tv nella maniera più obiettiva possibile basandomi solamente sui loro siti.

Rai

image
Tra i tre, il sito della Rai è quello più lungo, con la maggiore quantità di informazioni e box presenti nella pagina [[Un plagio venuto male del sito della BBC. Si ho usato la parola plagio, e non a caso.]]. Forse anche troppo lungo. Nella parte alta ci sono dei video che sono tra gli ultimi andati in onda, e poi la pubblicità.
Seguono in ordine da sinistra a destra: rai.tv, le notizie, pubblicità e informazioni d’abbonamento. E poi molto molto altro.

Secondo me c’è un errore di fondo. Ok è la homepage, la pagina più importante del sito e bla bla bla, però qui si esagera. Si è cercato di mettere tutto, quando poi l’utente andrà ad usare si e no un decimo delle cose presenti nella pagina.
Mettere solo le cose fondamentali e magari con la registrazione la possibilità di personalizzare la homepage aggiungendo le altre funzioni in base a quello che serve effettivamente, era evidentemente troppo. Così hanno fatto il contrario.

Mediaset

image
Il sito della Mediaset già è meglio. È il più “corto” dei tre, ma presenta comunque abbastanza informazioni importanti. In evidenza ci sono anche qui dei video, e poi, al contrario della pubblicità, le ultime news. Bravi.
Seguono la guida televisiva della giornata, notizie di sport, pubblicità, simil-articoli che rimandano a un sottosito, ma non all’articolo cliccato. E poi una cosa con Salvo Sottile che non capisco sinceramente e che probabilmente potevano evitarsi in favore di cose più utili.

image
Nell’header c’è una cosa molto poco simpatica. Due box, identici. Uno è una guida televisiva ad immagine, che riporta a un altro sito (niente ajax ne niente, semplice link), e l’altro è un form di ricerca. L’ideale per confondere la gente. 

La7

image
Come stile il sito de La7 presenta molte analogie con i suoi concorrenti, anche se con qualche interessante differenza.
In evidenza abbiamo dei promo delle trasmissioni, che porta sempre a dei sotto siti dei vari programmi, ognuna graficamente diversa dalle altre[[Non sono convinto che sia un difetto, ma non mi riesco a convincere che sia la soluzione ideale.]]. Seguono le video news, e poi la pubblicità. A differenza degli altri, pare che il team web de La7 reputi più importante le news che i video, e così facendo recupera spazio per la pubblicità.
Segue una striscia di la7.tv, simile alla controparte del sito rai, solo che questa è orizzontale e divide il sito in due blocchi ben distinti, come volendo segnalare uno stop, un cambio dei contenuti[[Tra l’altro su Mac si vede male, come potete vedere dalla foto]].
Ci sono poi i video, i blog degli autori dei programmi, una serie di video che fanno luce su particolari cose, tipo le novità del sito (emittente), foto e un curioso box, “LA 7 CONSIGLIA” in cui il primo menù è podcast e l’ultimo guida tv.
Nota molto negativa per il sito de La7, il menù nell’header un po’ scompare. Forse un design leggermente diverso (a tab?) sarebbe stato meglio.

Infine a livello di codice sono passabili tutti e tre. Passabili ho detto, non fate salti di gioia.

]]>

Marco

Marco è un blogger che scrive di Web Design, in particolare di User Experience e accessibilità, Graphic Design, tutorial e tutto quello che riguarda il mondo del web e della carta stampata.

Commenta l'articolo